Emily in Paris
SERIE TV & Co.

“Emily in Paris”: la serie tra cliché ed alta moda

Prendete un po’ del guardaroba de “Il diavolo veste Prada”, buttateci dentro un mestolo del trash di “Gossip Girl”, una dose abbondante di botte di culo che accadono solo nei film, aggiungete Parigi come sfondo, shakerate il tutto et voilà….vi presento “Emily in Paris”, la nuova serie tv disponibile da pochi giorni su Netflix!

Continuate a leggere per scoprire qualcosa in più 🙂

Emily in Paris recensione

Trama

“Emily in Paris” è l’ultima creazione di Darren Star, che avrete sicuramente già sentito nominare per essere il creatore delle famosissime serie tv Sex and the City e Younger.
La serie, rilasciata il 2 ottobre 2020 sulla piattaforma Netflix, è disponibile con la prima stagione composta da 10 episodi.
Emily Cooper è una giovane ragazza di Chicago esperta di comunicazione e social media, che ottiene inaspettatamente il lavoro dei sogni a Parigi.
La sua azienda infatti ha acquisito una compagnia di lusso francese e lei dovrà occuparsi di rinnovarne la strategia social e portare “il punto di vista americano”.
Emily però non conosce la lingua e dovrà destreggiarsi tra i nuovi colleghi francesi che non la vedono di buon occhio, un capo che la disprezza, una città tutta da scoprire, un fidanzato a distanza e tante nuove avventure.

Cosa ne penso

Io non riesco davvero a girarci intorno e mentirvi: per me “Emily in Paris” è un NI!
Partiamo innanzitutto dagli stereotipi di ogni tipo disseminati qua e là che non risparmiano davvero nessuno e che a lungo andare fanno storcere un po’ il naso.
Per non parlare poi dell’irrealtà di certe situazioni.

Dai, davvero vieni assunto in Francia se non parli una sola parola di francese?
Davvero ti fai selfie, a momenti piazzi anche il dito davanti alla telecamera, metti un hashtag a caso e diventi un’influencer?
(Se è così, io ho sbagliato decisamente qualcosa, mi sembra evidente eheheh).

Insomma, “Emily in Paris” va sicuramente benissimo se avete voglia di estrema leggerezza e desiderate sognare un po’, ma nulla oltre a questo.
In fondo è una serie – come dice il titolo di un episodio – un po’ “RINGARDE“!

Spezzo però una lancia e salvo assolutamente: i meravigliose scorci di Parigi, praticamente tutte le proposte di outfit indossati da Emily e ultimo, ma non per importanza, l’attore che interpreta lo chef Gabriel, perché è davvero un figo bravo.
Bravissimo 🙂

Vi lascio in ogni caso di seguito il trailer ufficiale per poter dare un’occhiata alla serie e magari darle una possibilità 🙂



Conclusioni

Iniziano già a circolare voci su una possibile 2ª stagione ma ancora non c’è nulla di certo.
E voi avete già visto “Emily in Paris” o inizierete a guardare questa nuova serie di cui tutti parlano (nel bene e nel male)?
Fatemi sapere cosa ne pensate nei commenti qui sotto e sulle mie pagine Instagram e Facebook e non dimenticate di seguirmi anche lì per supportarmi ed essere sempre aggiornati sulle novità del blog!

Take care 🙂

 

SHARING IS CARING

One Comment

  • Anna

    Oggi ho visto le prime 2 puntate, ma non so se ne vedrò altre. Troppi cliché, come dici tu e la storia piu che farmi sognare mi sembra surreale. Però vedere Parigi mi ha fatto sognare di tornarci al più presto. Aggiungo che Emilie è troppo magra, spaventosamente magra.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *