BookNetwork
Maratona di Libri

BookNetwork: la prima radio italiana interamente dedicata ai libri

La mia immensa passione per la lettura è ormai cosa nota e potrete quindi ben immaginare l’emozione che ho provato quando ho scoperto BookNetwork, la prima radio italiana interamente dedicata ai libri.
Volevo assolutamente scoprire qualcosa in più ed ho quindi contattato il fondatore Lorenzo Visi, che mi ha gentilmente concesso un’intervista telefonica.
Siete curiosi?

Let’s go!

BookNetwork


Quattro chiacchiere con il responsabile di BookNetwork

Lorenzo Visi ha iniziato la sua carriera in radio nel 1984 e dal 2008 si dedica parallelamente alla registrazione di audiolibri.
Ha insegnato comunicazione radiofonica e televisiva al Liceo Classico Perticari di Senigallia, realizza tv e radio personalizzate per aziende, segue progetti multimediali per associazioni legate alla Comunità Europea e si occupa anche di book-trailer per alcune case editrici.
Ed oggi ci porta alla scoperta del suo ultimo progetto.

Ciao Lorenzo, ci racconti in cosa consiste BookNetwork?

BookNetwork è la prima web radio italiana dedicata al mondo dei libri, online 24 ore al giorno. Come coordinatore ogni settimana assegno a 10 attori due titoli tra le ultime novità in libreria ed i bestseller.
Ognuno di loro ha a disposizione 2 minuti circa per leggere un estratto del libro e farlo così conoscere agli ascoltatori. Poi queste letture vengono inserite a rotazione per un certo periodo di tempo, così da avere sempre nuovo materiale da far ascoltare.
Abbiamo anche inserito la possibilità di far inviare agli ascoltatori una loro lettura di massimo due minuti, che sarà poi mandata in onda nel corso della trasmissione (cliccate QUI per scoprire come fare)

Ma quando è nata l’idea?

L’idea di BookNetwork è nata da un sogno di ben 8 otto anni fa.
Avevo deciso di realizzare una radio per una delle più note catene di librerie in Italia, ma purtroppo come spesso accade, ad un passo dalla chiusura il management editoriale è cambiato, le persone con cui mi relazionavo all’epoca sono state spostate e ad un mese dalla firma del contratto il progetto è sfumato.

Cos’è cambiato in questi otto anni allora?

È cambiata la strategia ma io e i miei collaboratori non abbiamo mai mollato. Senza di loro tutto questo non sarebbe stato possibile: possiamo dire che BookNetwork è una scommessa in cui abbiamo deciso di investire.
Vogliamo dare certamente risalto ai libri promossi dalle maggiori case editrici, quindi l’idea di entrare in un gruppo che ha molti punti vendita in Italia come Feltrinelli, Bompiani, Mondadori, Einaudi ad esempio, non è accantonata.
Ma da Ottobre siamo partiti con la radio ed abbiamo lanciato l’App: quello che ci interessa è diventare un canale promozionale soprattuto per le case editrici più piccole e indipendenti, che spesso non hanno gli stessi strumenti dei “big” del settore per far conoscere le loro pubblicazioni.

BookNetwork libri radio
Studio di registrazione di BookNetwork |© BookNetwork

Nel programma oltre alle letture di libri proponete anche ottima musica che è tutta “copyleft” e poco conosciuta: da dove arriva l’ispirazione?

Alla base c’è stata una ricerca lunga ed approfondita per trovare musica che fosse in linea con la filosofia che portiamo avanti su BookNetwork.
Cercavamo atmosfere chillout e le abbiamo trovate nel jazz, nella musica black, nel soul e nel funk. Ci siamo fatti davvero ispirare e guidare dai suoni che meglio si intrecciano con le letture che proponiamo, per accompagnare l’ascoltatore in questo mondo fatto di musica e parole.

Radio e libri: un combinazione forse insolita ma senza dubbio interessante. Che risposta avete avuto finora?

Da radiofonico ti posso dire che i dati parlano chiaro: la radio è ancora un mezzo molto utilizzato che non morirà mai: in meno di due mesi abbiamo avuto una risposta già molto positiva ed abbiamo raggiunto quasi 1200 download dell’App e molte case editrici hanno iniziato a proporsi.
Con il mio socio che si occupa della parte manageriale e con tutto il Team siamo davvero molto entusiasti.

Prima di salutarti Lorenzo ti chiedo: puoi svelare ai lettori quali saranno i prossimi obiettivi di BookNetwork?

Abbiamo in cantiere alcune novità molto interessanti per il 2021.
Al momento posso dirti che ascoltando la radio tramite App, ogni volta che c’è una lettura appare la copertina del libro di riferimento ma stiamo lavorando ad un ulteriore aggiornamento. Vogliamo inserire un link o una notifica che comparirà sullo schermo così che gli ascoltatori, cliccandoci sopra, possano essere rimandati direttamente sul sito della casa editrice per poter acquistare il libro con facilità.
Abbiamo in mente anche di coinvolgere nel programma tanti nuovi ospiti noti e non vediamo davvero l’ora di far ascoltare a tutti le loro voci.

Conclusioni 

Se anche voi non vedete l’ora di ascoltare la prima radio italiana dedicata ai libri, potete farlo visitando il sito di BookNetwork e scaricando l’App sul vostro smartphone: è gratuita e disponibile su Google Play e App Store.
E se la vostra auto è dotata di Apple Carplay o Android Auto, scaricando l’App potrete ascoltarla anche mentre siete in macchina!

Ringrazio ancora Lorenzo Visi per aver risposto alle mie domande su questo meraviglioso progetto e per avermi svelato qualche novità in anteprima (che purtroppo non ho potuto raccontarvi in questo articolo, ma che sono sicura riusciranno presto a realizzare…quindi stay tuned!).
Auguro di vero cuore a tutto il Team di BookNetwork di continuare a sognare in grande e lavorare con questa stessa passione che li contraddistingue.

Se questo articolo vi è piaciuto, mi raccomando non dimenticate di condividerlo con tutti i vostri amici per sostenere il blog e diffondere questo progetto!

Take care e buon ascolto 🙂

 

SHARING IS CARING

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *